Domenica, 16/05/2021
07:04

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


Riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

Si è tenuta stamane presso la Prefettura di Asti, convocata dal Prefetto Alfonso Terribile, una riunione del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato, in videoconferenza, il Presidente della Provincia, il Sindaco del Comune di Asti, il Questore, il Comandante Provinciale Carabinieri, il rappresentante del Comando Provinciale Guardia di Finanza e il Comandante della Polizia Municipale di Asti.

Nell'incontro è stato affrontato il tema del recente allentamento e della progressiva riduzione delle misure anti-contagio con particolare riguardo alla verifica dell'osservanza di quelle ancora in vigore ed alla prevenzione di assembramenti che potrebbero verificarsi, specie nelle ore serali e nei fine settimana, con il sopraggiungere della bella stagione, nelle vie pedonali, nei luoghi di ritrovo ed in prossimità di esercizi pubblici.
È stata, pertanto, effettuata una ricognizione delle criticità, sia nel Capoluogo che nel restante territorio provinciale, legate alla fruizione degli spazi pubblici o aperti al pubblico e afferenti a situazioni di eventuale assembramento, di disturbo alla quiete pubblica e al riposo delle persone nonché al consumo di bevande alcoliche oltre l'orario di chiusura degli esercizi pubblici, anche in relazione ad alcune segnalazioni pervenute da privati cittadini.

Si è, pertanto, concordata una linea operativa che sarà attuata con una coordinata sinergia istituzionale dalle Forze di Polizia territoriali e che sarà improntata alla tutela della civile convivenza nel rispetto degli interessi legittimi dei cittadini di ogni età e delle esigenze connesse alla ripresa delle attività economiche.

Palazzo del Governo, 12 maggio 2021

+++++++++++++

Danni da animali selvatici: il Prefetto assumerà il coordinamento delle iniziative

Il Prefetto Alfonso Terribile ha ricevuto lunedì scorso il Presidente della Coldiretti di Asti, Marco Reggio, accompagnato dal Direttore Diego Furia e dai Vicepresidenti Andrea Rabino e Gianfranco Torelli.

L'incontro è stato richiesto dai rappresentanti provinciali dell'associazione di categoria al fine di esporre la difficile condizione di numerosi iscritti, duramente colpiti dai danni causati alla produzione agricola dalla fauna selvatica, ed in particolare dai cinghiali. La situazione si è ulteriormente aggravata con le recenti semine primaverili, che sono state oggetto di aggressione da parte di un numero di esemplari in continua crescita, specie nel nord dell'astigiano. Sono stati altresì sottolineati il disagio ed i sentimenti di sfiducia dei numerosi agricoltori che, in una situazione già critica a causa della pandemia e dei danni cagionati dalle recenti gelate, stanno vedendo ulteriormente compromesso il loro reddito.

Nella mattinata di ieri è stata altresì ricevuta, presso il Palazzo del Governo, su richiesta di Confagricoltura Piemonte, una delegazione di Asti Agricoltura, composta dal Vicedirettore Roberto Bocchino, dal Responsabile Tecnico Enrico Masenga e dall'addetto stampa Marco Cerruti.

Anche in tale occasione sono stati evidenziati i numerosi danni patiti dagli agricoltori a seguito dell'accresciuto numero di cinghiali, anche in conseguenza della riduzione dell'attività degli addetti al controllo dei capi nel contesto dell'attuale emergenza sanitaria, con i conseguenti rischi di carattere sanitario e di maggiore incidentalità stradale.

Nel lamentare come gli interventi finora effettuati non abbiano prodotto i risultati sperati, generando esiti differenti a seconda delle zone, i rappresentanti delle citate associazioni di categoria hanno lanciato un appello affinché sia data una risposta adeguata all'annosa problematica che, oltre a rappresentare un pericolo per la pubblica incolumità, costituisce una minaccia per l'equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali.

A conclusione dei suddetti incontri, il Prefetto ha assicurato il proprio interessamento nell'approfondimento della delicata questione, che coinvolge numerosi soggetti. A tal fine, nell'ambito della propria tradizionale attività di coordinamento, il rappresentante del Governo ha annunciato l'avvio di apposite interlocuzioni finalizzate all'individuazione di una strategia comune, articolata secondo una molteplicità di azioni, da sviluppare in modo sinergico e condiviso tra i vari attori, nel rispetto delle relative competenze.

Palazzo del Governo, 29 aprile 2021
++++++++++++


Riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica
Nella mattinata del 27 aprile, presso la Prefettura di Asti, presieduto dal Prefetto Alfonso Terribile, si è tenuto il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, al quale hanno partecipato, in videoconferenza, il Vice Presidente della Provincia, il Sindaco del Comune di Asti, un delegato del Questore, il Comandante Provinciale dell'Arma Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza e il Comandante della Polizia Municipale di Asti.
Presso la sala riunioni della Prefettura erano presenti il Vice Sindaco del Comune di Montiglio Monferrato e un Assessore del Comune di Refrancore che hanno sottoscritto, per conto delle rispettive Amministrazioni, un "Protocollo di intesa per il controllo di vicinato", portando a ventotto quelli adottati in ambito provinciale.
Il "Controllo del Vicinato" è modello concreto di sicurezza integrata e partecipata che intende valorizzare ed accrescere la collaborazione tra Forze di Polizia e cittadini, con funzioni di deterrenza della criminalità comune, ed in particolar modo dei reati predatori.
Il modello prevede che i cittadini, riuniti in gruppi, svolgano attività di mera osservazione riguardo a fatti e circostanze che accadono nella propria zona di residenza (ad esempio, passaggi ritenuti sospetti di macchine o di persone, allarmi, rumori, ecc….) e segnalino ai coordinatori dei gruppi, preventivamente individuati dal comune e appositamente formati, informazioni di interesse per l'eventuale attivazione delle Forze di Polizia.
Nella stessa seduta di Comitato, inoltre, sono stati esaminati gli aspetti di sicurezza afferenti il passaggio, nelle giornate del 9 e 10 maggio p.v., del 104° Giro d'Italia, che attraverserà porzioni del territorio provinciale e che comporterà chiusure, per periodi limitati, di tratti stradali nei Comuni interessati e nel Capoluogo.
Nel corso di ulteriori riunioni dedicate, alla presenza delle Forze di Polizia, dei rappresentanti delle associazioni di volontariato nonchè di tutte le componenti interessate dall'evento, saranno approfonditi gli aspetti tecnici necessari a garantire la sicurezza dei corridori e dei cittadini in transito e pianificati i dispositivi di vigilanza e sicurezza della viabilità e della circolazione da attivare nelle strade costituenti percorso di gara.
Verrà fornita ampia e tempestiva pubblicità in relazione agli orari di transito della gara e alla chiusura delle strade interessate per ridurre al minimo i disagi per le popolazioni residenti e per gli operatori economici e commerciali.

Palazzo del Governo, 27 aprile 2021
++++++++++++

La Prefettura di Asti ha emesso avviso pubblico per l'aggiornamento dell'elenco delle depositerie a cui affidare la custodia dei veicoli sottoposti a sequestro a seguito di violazioni al Codice della Strada.
Tale sistema di gestione dei mezzi sequestrati concorre con quello, attualmente operante, di cui all'art 214-bis del Codice della Strada, che utilizza l'applicativo Si.Ve.S (Sistema Informativo Veicoli Sequestrati).
L'avviso, pubblicato sul sito di questa Prefettura, è stato inviato alla Provincia, ai Comuni, alla Questura, al Comando Provinciale dei Carabinieri, al Comando Provinciale della Guardia di Finanza, alla Camera di Commercio, al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, alla Sezione di Polizia Stradale, all' Agenzia del Demanio, all'Arpa Piemonte, allo Spresal, al fine di favorirne la massima diffusione, in modo da consentire la più ampia partecipazione a ciascun operatore interessato, nel rispetto dei principi di libera concorrenza, parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza.
Le domande dovranno essere presentate compilando l'istanza allegata al bando e producendo la documentazione attestante il possesso dei prescritti requisiti, oggettivi e soggettivi, la cui sussistenza sarà verificata da un'apposita Commissione Tecnica, composta da rappresentanti della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, della Sezione di Polizia Stradale, dell'Agenzia del Demanio, dell'Arpa e dello Spresal.
Palazzo del Governo, 25 marzo 2021
+++++++++++

Il Prefetto di Asti Alfonso Terribile ha ricevuto stamane il Direttore Generale dell'ASL-AT, dr. Flavio Boraso, accompagnato dal Direttore Sanitario, dr. Mauro Occhi.
L'incontro, svoltosi in un clima di cordialità, ha rappresentato l'occasione per fare il punto sulla situazione emergenziale, con particolare riferimento al trend dei contagi ed all'andamento della campagna vaccinale sul territorio astigiano.



Nel formulare i migliori auguri di buon lavoro, il Prefetto ha sottolineato la necessità che le Istituzioni locali, unite nel fronteggiare efficacemente la lotta al coronavirus, agiscano in modo sinergico per garantire alla comunità astigiana la continuità e la fruibilità dei servizi, anche nell'attuale contesto pandemico.

Palazzo del Governo, 16 marzo 2021
+++++++++

Si è tenuta stamane, convocata dal Prefetto Alfonso Terribile, una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato, in modalità videoconferenza, il Presidente della Provincia, il Sindaco del Comune di Asti, il Questore, il Comandante Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza e il Comandante della Polizia Municipale di Asti.

Nel corso dell'incontro sono state esaminate le nuove, più restrittive misure introdotte a livello regionale dal Presidente Alberto Cirio - in attuazione del d.P.C.M. in vigore da oggi - al fine di porre un freno all'innalzamento dei contagi registratosi nel corso della settimana corrente.

In particolare, sono state previste innovative disposizioni in materia scolastica, che tengono conto del livello di rischio, in modo da intervenire in modo più incisivo su quelle aree che hanno registrato un maggior numero di casi di contagio, nell'intento di realizzare interventi mirati, il più possibile proporzionati ed adeguati alla situazione territoriale.

Per quanto riguarda la provincia astigiana, nella maggior parte dei Comuni continueranno a svolgersi in presenza le attività scolastiche fino alla prima media, con previsione della didattica a distanza per la seconda e la terza media, gli istituti scolastici secondari di secondo grado e le università. Sarà invece sospesa, a partire da lunedì 8 marzo, nei Comuni afferenti al distretto sanitario Asti Sud, l'attività didattica in presenza, con conseguente attivazione di quella a distanza al 100%, nelle scuole di ogni ordine e grado, ad eccezione di nidi e micro-nidi, dell'attività scolastica per i disabili e dei laboratori.

A seguire, il Prefetto ha impartito nuove direttive per lo svolgimento dei servizi di monitoraggio e controllo volti ad assicurare il rispetto delle norme anti-contagio, anche alla luce delle ulteriori, più rigorose prescrizioni introdotte.

Tra queste, si evidenzia la disposizione che consente l'accesso alle attività commerciali al dettaglio ad un solo componente per nucleo familiare, nonché, a partire da martedì 9 marzo, il divieto di utilizzo delle aree attrezzate per gioco e sport in aree pubbliche e all'interno dei parchi, ville e giardini pubblici.

Palazzo del Governo, 6 marzo 2021
+++++++++++++++++


Si è tenuta nel pomeriggio odierno una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto Terribile, alla quale hanno partecipato, in modalità videoconferenza, il Presidente della Provincia, il Sindaco del Comune di Asti, il Questore, il Comandante Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza e il Comandante della Polizia Municipale di Asti.

Nel corso dell'incontro il Prefetto ha ribadito la necessità di continuare ad assicurare la massima attenzione sul rispetto delle misure adottate per il contenimento della diffusione del COVID-19, attraverso un ulteriore potenziamento delle verifiche già in atto, anche alla luce del recente invito formulato in tal senso dal Presidente della Regione, Alberto Cirio.

Sebbene dall'esame della situazione a livello provinciale non siano emerse particolari criticità, è stata pertanto concordata, in vista dell'imminente fine settimana caratterizzato da un clima favorevole, con temperature primaverili, l'intensificazione dei servizi di monitoraggio e controllo da parte delle Forze di Polizia e della Polizia Municipale, in special modo per scongiurare ogni rischio di assembramento nei luoghi all'aperto, in particolare parchi e piazze cittadine, ed il sovraffollamento di locali ed esercizi commerciali.

Nonostante la maggior parte della comunità astigiana appaia pienamente collaborativa e consapevolmente rispettosa delle note regole anti-contagio, il Prefetto, a nome del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, rinnova l'appello alla cittadinanza affinché ciascuno presti la massima attenzione nella propria vita quotidiana, proseguendo nell'adozione di quei comportamenti responsabili, che risultano cruciali al fine di prevenire il rischio di una nuova ondata di contagi.

Palazzo del Governo, 26 febbraio 2021
+++++++++

Nella giornata di ieri il Prefetto di Asti ha nominato, quale Commissario straordinario della Fondazione Centro di Studi Alfieriani, la prof.ssa Giulia Anastasia Carluccio, Prorettrice dell'Università degli Studi di Torino.
La professoressa Carluccio, docente ordinaria di Cinema, Fotografia, Televisione e Media audiovisivi presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Torino, è stata prescelta per il conferimento dell'importante incarico in ragione dell'elevato profilo di professionalità ed esperienza posseduto.
In qualità di Commissario straordinario della Fondazione, la prof.ssa Carluccio provvederà alla gestione amministrativa dell'Ente, assicurandone il regolare funzionamento fino all'insediamento del nuovo Presidente, che sarà designato dal competente Ministero dei Beni Culturali. Palazzo del Governo, 18 febbraio 2021

AGGIORNATO IL
15/05/2021 19:49:40

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE