Luned?, 26/10/2020
20:44

Direttore responsabile Franco Musso

ASSOCIAZIONE RADIO ASTI EUROPA P.IVA 01553610054

 

Home Page

 

 

 


Nella foto: Pellegrino Delfino, psicologo e psicoterapeuta

Anche gli uomini scrivono a SOS donna per chiedere consiglio allo psicologo
10/10/20
Gli uomini scrivono a SOS donna: nello spazio "Lettere allo psicologo", attivo sul sito www.sos-donna.it, da qualche tempo sono pubblicati i primi scritti.
Il servizio di corrispondenza online, gratuito, è decollato a giugno, anche per far fronte ai disagi conseguenti al lockdown, e costituisce una delle azioni approvate, per questa seconda edizione di SOS donna, dal Consiglio regionale del Piemonte. Finora ha dato risposta a oltre trenta persone: molte le giovani che pongono quesiti, mentre tra i problemi che emergono c'è quello dei maltrattamenti familiari, motivo ispiratore di SOS donna, il progetto dell'Associazione culturale Agar che aiuta le vittime di violenza e che ha nel sito web uno dei suoi punti di forza.
Adesso si levano le prime voci maschili. Conferma il dottor Pellegrino Delfino, psicologo e psicoterapeuta: "Anche uomini, sì, uomini mi hanno scritto. Chi calpestato da un padre violento, chi desideroso di un nuovo modulo d’approccio con la partner".
E le donne che, in forma epistolare, chiedono aiuto all'esperto quali disagi rappresentano?
"Dirò subito - spiega Delfino - che la varietà è esuberante. Donne accorate per l’amore imperscrutabilmente perduto e immerse in un torrente di sensi di colpa, donne che riattivano ricordi traumatici sepolti, prive della forza di elaborarne il lutto (ritorno perenne del rimosso), donne rifiutate dal padre o dalla madre o, peggio, da entrambi. Una ragazza sofferente e al contempo indignata per la rigidità dei genitori che non le permettono di amare chi non appartiene alla loro stessa religione".
Altri casi: "C’è chi poi percepisce con forte apprensione la realtà come mistificazione ad opera dei mass-media e di manipolazione della psiche, basita di fronte al cosiddetto 'sesso mediatico' (ha compagne sedicenni che filmano porno). Adolescenti alla ricerca della propria identità, ricerca affannata con strali d’angoscia acuta. Donne - prosegue lo psicologo - che rinunciano agli aspetti sereni e fecondi del vivere, perseguendo, a causa di una 'coazione a ripetere', l’infelicità a oltranza, ossia andando alla ricerca coatta di attitudini e comportamenti che confermino un loro tratto caratteriale disturbante e profondo, anziché falsificarlo. Donne pesantemente maltrattate dai loro partner ai quali sono emotivamente attaccate, ancora incapaci di schiudersi all’autonomia e a lasciarli".
"Perfino psicologhe, insultate e minacciate dai conviventi delle loro pazienti - annota il dottor Delfino - nel momento in cui queste ultime, grazie alla psicoterapia, mostrano i denti o solo il bisogno di liberarsi dall’asservimento dei loro partner-abusanti". E poi: "Una settantatreenne che cerca disperatamente l’elemosina di un gesto d’amore del figlio".
"Quel che accomuna la maggior parte delle lettere inviatemi - indica l'esperto - è una sofferenza a dismisura che le scriventi hanno voluto condividere con me. Ed è solo una piccola porzione! Augurabile che la situazione storico-sociale e culturale che stiamo attraversando dilati il più possibile l’opportunità di confrontarci nel Bene e nel Male con le donne (tenute storicamente sempre in-exergo) sì ché il Bene si moltiplichi e il Male si riduca, almeno un po’".
Chi desidera mettersi in contatto con "Lettere allo psicologo" può utilizzare il seguente indirizzo mail: psicologo@sos-donna.it
Intanto anche l'Anci Piemonte ha riconfermato la propria adesione a SOS donna per il 2020-2021 (sul sito web l'elenco degli enti e associazioni che fanno rete nel progetto).

AGGIORNATO IL
26/10/2020 19:44:18

L'INFORMAZIONE

RUBRICHE